Diario del Capitano, 22/12/2006

Quello che segue è il delirio di cose che ho scritto durante l’allucinante viaggio in treno per venire in vacanza in calabria:

Parto subito con una nota: NB: prossima volta che sarò indeciso tra il dormire un’ora tutta la note e fare il dritto…decisamente propendere per la scelta numero 2

Questo per dire che ovviamente le mie poche vacanze, che già  di per s’ non hanno una prospettiva felice, sono iniziate anche peggio 🙁

Dopo aver dovuto saltare il saggio di Roby (scusa scusa scusa), aver visto lo stupendo spettacolo delle AMIKE e aver fatto due passi per accompagnare Mia al black B (e aver scroccato da bere a una sua amica, ma è un’altra storia) torno a casa che sono le 2 passate e sistemo la valigia.
E il portatile.
E il lettore DVD portatile.
E se ci penso ora mi vengono in mente un milione di cose che ho lasciato a casa.
E dopo qualche telefonata notturna e deliri vari decido di addormentarmi un’oretta in attesa che la sveglia suonasse.
QUATTRO ore dopo mi sveglio e mi rendo conto che sono le 8 passate.
Impanicato come non mai mi vesto di corsa, recupero le valigie e corro in stazione.
Prendo il primo Eurostar che trovo (e che mi lascerà  a Roma per la modica cifra di 23 Euro che pagherò SE passa qualche controllore) No, in realtà  confido nel senso di appartenenza a questa asta esclusiva di ferrovieri e parenti :D).
Per quanto riguarda i regali di natale, ho realizzato di averne lasciati un po’ a Bologna…vabbè troveremo rimedio anche per quello!

In questo momento sono in mezzo alla campagna toscana… NB2: organizzare con calma un viaggio da queste parti

OT: il mio coinquilino si laurea il 18 gennaio…venghino Siori Venghino 😀

Mi fa troppo strano scrivere un post per il blog su carta. Si solito scrivo le ose abbastanza impulsivamente, ora invece correggerò e modificherò un sacco di cose :O

Come al solito stare seduto per forza e a lungo in uno stesso posto mi fa divagare e il mio cervello fa mille pensieri e collegamenti stranissimi 😀

Noto ora che la stoffa che copre i poggiatesta dei sedili dell’Eurostar è griffata ( o meglio, è sponsorizzata) dal Blackberry (seguiranno foto illustrative :P)

Mezz’ora per Roma. Quando tornerò a casa spero di sistemare l’ADSL così riesco a pubblicare il post e a restare in contatto con il mondo 😀

Come sottofondo musicale (OVVIO che c’è un sottofondo musicale) una selezione di Bjork e Tori Amos, che hanno come scopo fondamentale il ricordarmi che DEVO andare a far riparare il lettore mp3 😀

Darling, Stop confusing me,… PROMEMORIA: segnare giorno 9 su google calendar 😀

Seconda parte del viaggio:
Arrivo a Roma (senza pagare i 23 euro di cui sopra) e feci conoscenza di ragazza in crisi con prenotazione sbagliata del posto.
Allora utilizzo le mie arti (leggi come: la mia faccia da culo), le recupero una sigaretta e mi faccio dare la sua prenotazione 😀
Pranzo veloce da W.O.K. e di nuovo in treno, seduto comodamente in prima classe con compagni di viaggio tranquilli (infermiere siciliano e famigliola con figlia grande e amica della figlia ucraina).
A Napoli abbiamo accumulato 50 minuti di ritardo tra incidenti vari ed eventuali e il viaggio rischia di diventare molto lungo…

…Fortuna che ho chi mi tiene compagnia al telefono 😀

EDIT: ODIO la tastiera di mio fratello che mi ha fatto scrivere una marea di errori (che ovviamente ho corretto solo ora (il 27/12) appena tornato a Bologna

Posted in LGBT, Viaggi, Vita Privata.